La gratitudine in me è stata il motore che ha mosso ogni cosa.

Anche nelle situazioni complesse, sin da piccola, riuscivo a percepire uno spiraglio di luce e mi sentivo interiormente grata, in pace, di fronte a situazioni come quelle che pone la mente, illudendoci che esistano ostacoli e non opportunità.

Sorridevo interiormente a quel senso di pace che pioveva in me come una finestra che si spalancava improvvisamente.

Era Dio che vinceva su ogni illusione e mi sentivo grata per questo gioco che era perfetto in ogni istante.

La gratitudine è la pioggia di stelle che senti sul cuore quando guardi negli occhi una persona amata e interiormente ti rivolgi al Maestro, a Dio, inchinandoti con profonda devozione di fronte al miracolo chiamato Vita.

La gratitudine colma il cuore quando pensando alla difficoltà che sta vivendo una tua amica o un tuo amico o tu stesso, ringrazi Dio perché ti senti sicuro che Lui non abbandonerà mai nessuno.

Grata del sole che nasce, dei meravigliosi tramonti che regala il cielo impossibile da riportare su tela, perché ogni giorno i colori giocano danze sempre diverse tra di loro e soltanto osservando le meravigliose sfumature, il cuore si riempie di gratitudine.

Grata alla natura con il suo vento che accarezza il filo d’erba e i nostri volti come fosse la mano di Dio.

Credo in un gioco meraviglioso, in cui la Fede genera gratitudine e la gratitudine permette di sperimentare la Fede.

E ancora, gratitudine per gli occhi dei meravigliosi animaletti che fanno parte della terra che li guardi e sei grata a Dio di come abbia creato dei corpicini così diversi e così perfetti.

Gratitudine per le persone che vanno e quelle che restano, perché in ogni caso portano a noi qualcosa che non conoscevamo ancora.

E sono grata per il tempo che hai quando lo sai apprezzare, vedendo che, intorno a te, c’è qualcuno che ne ha poco e grata perché sei meravigliosamente impegnata a servire Dio nelle vesti che Egli ti ha concesso.

La gratitudine per me è un abbraccio interiore che mi avvolge nei momenti di gioia e riaffiora in quelli di smarrimento, donandomi la luce che indica la strada da seguire e che trasforma in scintillio, in polvere di stelle, il suo incontro con la Fede sul ponte della vita e danzando insieme un valzer dolce e potente. E sentire la gratitudine e offrirla a tutto il mondo, mi colma di gioia e mi fa sentire parte del Creato, onda che diventa oceano di Dio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.