Live like Yogananda Series: Generosità

Stiamo discutendo il capitolo sulle caratteristiche salienti di Yogananda dalla Biografia di Paramhansa Yogananda di Swami Kriyananda.

live like Yogananda

Nayaswami Asha

Lo chiamiamo “Live like Yogananda Series” e oggi parleremo di Generosità. Ciò che Swami scrive qui è “La generosità del Maestro si estendeva ben oltre il semplice denaro o i doni materiali. Includeva anche, ad esempio, permettere agli altri di avere l’ultima parola, rimandando alle loro opinioni, applaudendo qualsiasi cosa buona facessero.

Essere generosi è il tuo Dharma?

Generosità è in realtà una parola che gradualmente, nel tempo, ha raggiunto un grande significato per me. Durante i primi anni della mia vita spirituale stavo cercando di arrivare a un certo livello di comprensione di me stesso e guardare le cose della mia vita che avevano funzionato: le relazioni che erano state fruttuose, le amicizie durature. Quali erano i miei veri valori?

E la parola generoso è diventata molto importante per me in parte perché ho molta energia ma anche perché sono sempre stato generoso. Se qualcuno ha bisogno di aiuto, voglio aiutarlo. Se ho qualche capacità che sarebbe utile a qualcuno che voglio dargliela, se ho tempo, voglio condividerla. Essere generoso, mi resi conto, era estremamente e fondamentalmente importante per me; E mi ha anche aiutato a pensare.

Di che tipo di amici avrei bisogno nella mia vita, di che tipo di collaboratori, di che tipo di comunità avrei bisogno, perché quando quella generosità viene ostacolata per una persona la cui energia scorre in quella direzione, è una rottura del dharma. Diverse volte nella mia vita precedente, ero stato controllato da persone che non avevano lo stesso spirito generoso che avevo io, e mi resi conto che era un errore morale da parte mia permettere che ciò accadesse. Swami Kriyananda affermò che era una mia caratteristica saliente che dovevo onorare e non potevo permettere ad altri di limitarla.

Aprire i nostri cuori alla Madre Divina

live like Yogananda

Swami Kriyananda

Uno dei motivi per cui mi sono sempre sentito così in sintonia con Swami Kriyananda, e anche con Ananda, fin dall’inizio è che Swami Kriyananda ha capito che la costruzione della comunità dipendeva da un atteggiamento generoso all’interno della comunità stessa. Ad un certo punto, quando stavamo lottando per generare il reddito, per costruire la comunità e il ritiro di meditazione contemporaneamente, questa seria proposta è stata fatta a Swami Kriyananda di chiudere il ritiro  fino a quando non ci siamo riuniti con la comunità.

Le parole di Swami Kriyananda erano: “Se chiudiamo il nostro cuore alla Madre Divina, la Madre Divina chiuderà il suo cuore a noi”. Per lui era assolutamente impensabile che il solo fatto di riunire la comunità significasse dimostrare che eravamo lì per servire. Non eravamo lì solo per creare un bel posto per noi stessi. L’intero scopo di ciò che stavamo facendo era quello di essere una porta aperta, per fornire ispirazione agli altri.

Aprire i nostri cuori alla Madre Divina è stato per le anime che cercavano la verità che sono venute al Ritiro di Ananda per la stessa ragione, che tutto il resto di noi era lì, il che era un desiderio di verità, un desiderio di essere più vicini a Dio, un desiderio di avere spiriti affini per incontrare chiunque in questo mondo che risuona effettivamente con la tua vibrazione.

Generosità dei Maestri per assumere abiti terreni per noi

live like YoganandaCi sono diverse storie che Swami Kriyananda racconta sul fatto che Paramhansa Yogananda raccolse antichi bastoni, ombrelli e opali. Swami Kriyananda disse che era una specie di modo per mantenere la sua mente concentrata su questo pianeta ed è per questo che il Maestro (Paramhansa Yogananda) aveva questi hobby.

Generosità delle cose materiali

Quando Swami Kriyananda (Swami) dice che il Maestro era generoso, non era solo generoso con denaro e cose materiali. Ha raccolto varie cose e Swami scrive di come stava negoziando con il proprietario in qualche negozio di antiquariato. Stava lottando per essere coscienzioso con i soldi dell’istituzione e non pagare più del dovuto. Quando finalmente ottenne il prezzo che voleva e pagò per questo, diede all’uomo una generosa mancia. L’uomo era così contento che diede al Maestro uno speciale ombrello antico. In seguito il Maestro disse che il negozio dell’uomo aveva un pavimento così povero lì. “Penso che gli comprerò un pavimento migliore” e – lo ha appena fatto.

Il denaro scorreva attraverso di lui; semplicemente non l’avrebbe mai acquisita. Un altro esempio è che Yoganandaji spesso dava ai monaci piccole somme di denaro in modo che potessero uscire e comprare un gelato. Swami Kriyananda racconta di una storia in cui stava dicendo ai giovani monaci che stavano lavorando: “È una giornata calda. Non è vero?” Sapevano dove stava andando, ma hanno semplicemente giocato e hanno detto: “No signore! Non è poi così male”. Il Maestro ha ripetuto “Accidenti! Mi sembra che sia davvero una giornata calda”. I monaci dissero: “Beh, se lei dice che è una giornata calda, signore, allora immagino che sia una giornata calda”. Poi si mise a ridere e disse: “Non posso tenere i soldi e non lo farò”. Poi diede loro un dollaro o qualsiasi altra cosa fosse necessaria per uscire e comprarsi un gelato. Swami Kriyananda ha detto di aver speso dal suo portafoglio per salvare il dollaro che Paramhansa Yogananda gli ha dato. In realtà è lì nel santuario del Maestro nel villaggio di Ananda.

Praticità vs Generosità

In ‘Sussurri dall’eternità’ c’è questa meravigliosa poesia, “Insegnami a spendere con gioia e felicità per gli altri come spendo per me stesso”. Questo è molto interessante perché tutti ci dicono che dobbiamo essere pratici. Swami Kriyananda diceva sempre la parola “pratico” con una sorta di voce tesa. Le persone non dicono “pratico” con una voce dolce e amorevole.

No, bisogna essere generosi. Paramhansa Yogananda dice: “Non posso tenere i soldi e non lo farò”. Perché le risorse ci sono date se non per fare un buon lavoro per Dio? Questo è proprio ciò che ha fatto il Maestro. Quando qualcuno è venuto e ha chiesto ‘quali sono i beni di questa organizzazione?’, Yogananda ji ha detto, felicemente, “Assolutamente nulla. Dio sono le nostre azioni e obbligazioni”. Significa dire che siamo qui per servire Dio, non per accumulare. Quindi questo è ciò che facciamo.

La generosità non è solo una questione di soldi

La generosità delle cose materiali è molto toccante, ma Swami Kriyananda ha detto che è andata molto oltre. Che Paramhansa Yogananda fosse generoso, non inizia nemmeno a descriverlo. Era completamente generoso con il suo amore, con il suo affetto, con il suo desiderio di aiuto e generosità di spirito. Se c’era un modo in cui poteva aiutare qualcuno, spiritualmente parlando, lo avrebbe fatto. Il Maestro disse chenessuno incrociava il suo cammino, tranne che aveva uno specifico scopo divino e che quello specifico scopo divino era sempre l’opportunità per Lui di aiutare qualcuno ad avvicinarsi a Dio. Non c’è mai stato un momento in cui non fosse disposto a farlo.

Generosità di spirito

Swami Kriyananda aveva questa stessa straordinaria generosità di spirito. Ricordo quando era malato a letto di febbre alta con brividi. Era solo molto malato e aveva invitato alcuni di noi solo per averci intorno, non lo so. Ero seduto lì e gli leggevo il romanzo “La veste”, che è la storia di una veste di Gesù che attraversa i secoli. È un romanzo meraviglioso. C’è un bussare alla porta. La porta d’ingresso era a 10 piedi da dove Swami Kriyananda dormiva nel letto, i due erano separati da una barriera visiva. Aprii la porta e l’uomo disse con voce agitata: “Devo vedere Swami Kriyananda adesso…” Non stavo per farlo entrare, quindi ho insistito perché uscissimo. Parlammo a bassa voce e dissi: “Swami è molto malato. Ha la febbre molto alta” ma l’uomo ha insistito e io ho risposto “Non può parlarti in questo momento”. All’improvviso sento una voce piena da Swami “Chi c’è, Asha?” L’ho detto e così è alla porta. “Digli che sarò proprio giù.” Swami si alza, si mette l’accappatoio, va e non si siede nemmeno; sta solo sulla porta. Dopo 10 minuti sono sceso per chiedergli se voleva una sedia e lui ha rifiutato dicendo che stava bene. Il problema dell’uomo era reale per lui.

Dirò che non sta a me dire qual è un problema serio, è per la persona che lo sta avendo. Swami Kriyananda gli parlò per 20 o 30 minuti, rimanendo lì. Swami era assolutamente al massimo delle forze, completamente attento mentre finiva tutto. L’uomo fu indicibilmente grato e tornò a casa. Swamiji camminò per 10 piedi fino al suo letto, tornò a letto tremando di nuovo per la febbre. Questa è generosità di spirito.

Generosità di amicizia

Ricordo che quando iniziai a lavorare per Swami Kriyananda, avevo la tendenza ad essere protettivo e pensavo che la sua convenienza fosse più importante di qualsiasi altra cosa, cosa che lui capiva e rispettava, ma il modo in cui mi diceva era “Non devi mai far sentire a qualcuno che la mia convenienza è più importante del loro benessere perché non lo è”.

L’ho effettivamente sperimentato e questo è stato molto presto sul sentiero spirituale. Andò in isolamento e io mi misi nei guai. Non volevo disturbare il suo isolamento, ma il mio amico Seva disse a Swami che mi ero messo nei guai. Così Swami Kriyananda mi chiama a casa sua. Non rompe il silenzio. Abbiamo una conversazione in cui parlo e Swami digita la sua risposta. Abbiamo ordinato quello che stavo passando e sono stato salvato, il che è stato importante.

Poi mi accompagnò alla porta e io dissi: “Signore! Mi dispiace così tanto di aver dovuto disturbare il tuo isolamento”. Mi guarda molto severamente e torniamo in ufficio. Si siede alla macchina da scrivere e scrive: “Insulti la mia amicizia”. Disse: “Immagineresti che il mio isolamento sia più importante del tuo benessere”. Questa è vera generosità di spirito. È come se non esistessi. Sono solo qui. Sono qui per servire e perché non dovrei voler servire?

Swami Kriyananda disse anche che il Maestro aveva grande rispetto per le opinioni degli altri. Non aveva bisogno di avere l’ultima parola. Non ha mai avuto bisogno che la gente sapesse quanto fosse potente e illuminato. Niente di tutto questo. Era lì per servire. Periodo. La sua energia aveva uno scopo che era quello di aiutare gli altri. E ancora una volta questa non è solo disciplina da parte sua. Può essere disciplinato sul nostro fino a quando non diventa realizzazione. Non c’era nessun sé da proteggere. Tutti erano uguali.

Anandamayi Ma si stava muovendo tra la folla e uno dei suoi devoti disse: “Non ti dà fastidio avere tutte queste persone intorno?” Disse: “Mi preoccupo di avere la mano destra con me?” Ha detto: “Tutti per me sono uguali a me. Qual è la differenza?”

Unità del donatore e del ricevente

live like Yogananda

Anandamoyi Ma

Swami Kriyananda menzionò ad Anandamoyi Ma quanto fosse generosa e altruista con il suo tempo e la sua attenzione per lui. Lei rispose: “Oh, è così che ti sembra? Pensi che io sia separato da te nel dare. Non c’è un sé separato, che ti dà”. Non è così che le sembrava. Siamo solo noi: il mondo intero.

E anche questo è Swami Kriyananda. Una volta eravamo a Disneyland quando stava guardando la folla e disse: “Immagina non solo di amare tutte queste persone, ma di essere ugualmente ognuna di loro”. Ha detto che questo è chi era Paramhansa Yogananda.

Dà un nuovo significato alla parola generoso. Non è vero? Ma ci regala ancora un bellissimo tratto del divino che possiamo aspirare ad esprimere.

Fonte: Estratto da un discorso di Asha Nayaswami


E qui potete scoprire di più su come il dono può trasformare la vostra vita: “La gioia di dare”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *