Anche la nostra mente, così come il nostro corpo fisico, può essere attaccata dai virus dei cattivi pensieri. E’ interessante vedere quanto il meccanismo sia simile.

Il corpo fisico viene attaccato quando noi, sentendoci sicuri, non pensiamo a proteggerci e abbassiamo la guardia. (Ho notato che in questo periodo di Covid, in cui siamo stati costretti ad essere attenti, ci siamo ammalati molto meno di raffreddore, mal di gola e influenza.)
La stessa cosa avviene per i virus mentali. Quando ci sentiamo sicuri diventiamo meno attenti e possiamo esporci al “contagio”.

Quando un virus fisico entra in noi non ce ne accorgiamo subito, continuiamo la nostra vita di sempre, mentre lui si dà da fare per conquistare il territorio del nostro corpo.  Accade così anche con un virus mentale. Ci viene un pensiero che abbassa la frequenza della nostra vibrazione, ma noi non gli diamo molta importanza e lui… ne approfitta per diffondersi, per mettere radici…

Prendiamo, per esempio, la rabbia.

Forse abbiamo meditato di meno, oppure qualcosa ci ha stressato e il nostro campo magnetico si è indebolito; qualcuno ci fa un leggero sgarbo e la cosa ci irrita. Ma questo ancora non sarebbe un gran male, se non iniziassimo poi a rimuginare su quanto accaduto: “Mi ha detto questo… ha detto quello… avrei potuto rispondere così… avrei potuto rispondere cosà”…e così via, aprendo la porta alla rabbia e creando un vortice che moltiplica i pensieri, che diffonde l’ “infezione” e che attira altri pensieri negativi, sulla stessa “lunghezza d’onda”.

Come per una malattia del corpo, questa condizione può durare per giorni, portandoci addirittura un malessere fisico. Poi, proprio come un’influenza, si esaurisce e arriva la guarigione. Così come una malattia fisica, se grave, può lasciare degli strascichi, può danneggiare il nostro corpo, anche un virus mentale può far danni, sia a noi stessi, creando un solco di rabbia che potrebbe facilmente portare a recidive, sia danneggiando i nostri rapporti con gli altri. Quante amicizie si sono rovinate per sempre, per colpa di questo brutto virus!

Un virus fisico porta il nostro sistema immunitario a sviluppare degli anticorpi in grado di riconoscere un nuovo attacco e che si mobiliteranno per proteggerci. Questa è una cosa che, se siamo saggi e facciamo tesoro delle nostre esperienze, anche la nostra mente può fare: possiamo imparare a riconoscere i primi segnali di un attacco di rabbia e cercare di neutralizzarlo con una delle tante tecniche di trasformazione che abbiamo (l’energia non si può reprimere nè sopprimere, si può solo trasmutare). Personalmente trovo molto efficace, quando capisco di avere un po’ di attaccamento verso un pensiero sgradito, portarlo in alto, all’occhio spirituale e offrirlo ai piedi della Madre divina. Mi aiuta anche molto ripetere un Mantra, oppure un canto spirituale o, ancora, una affermazione, per calmare, rinfrescare la mente.

Ma…prevenire è meglio che curare.

Così come è bene lavorare per avere un sistema immunitario forte, capace di resistere agli attacchi dei microbi, così è anche bene “prevenire” i pensieri pericolosi, semplicemente tenendo alto il nostro livello di energia. Possiamo ogni giorno prendere le “vitamine” delle nostre pratiche spirituali, della devozione, dello stare in compagnia del Guru.

Quando la frequenza della nostra vibrazione è alta, automaticamente siamo protetti da tutto ciò che ha una bassa vibrazione. E’ come indossare un’armatura di luce, impenetrabile ai proiettili della negatività e, con una simile protezione sarà difficile per i virus mentali penetrare nella nostra mente e “infettarci”.

Nella gioia del Guru
Clarita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *